Recarlo festeggia i suoi 50 anni di successo

I nostri punti di forza? La qualità dei diamanti, l’accuratezza delle lavorazioni, la coerenza dello stile, il legame col nostro territorio. Giorgio Re, gemmologo diplomato HRD e vice presidente col fratello Paolo del brand valenzano Recarlo, ripercorre con entusiasmo i 50 anni di attività dell’azienda di famiglia, fondata dal padre Carlo nel 1967. “In realtà i miei nonni possedevano un’azienda di scarpe, l’altro grande comparto produttivo nella Valenza del secondo dopoguerra. Mio padre però è stato tanto lungimirante da prevedere la crisi che di lì a poco avrebbe travolto il settore calzaturiero e ha aperto un proprio laboratorio orafo a ridosso di un periodo, gli anni Settanta, decisamente prospero per la gioielleria valenzana.

La produzione si concentra inizialmente sugli anelli da uomo per spostarsi in breve sui “gioielli senza tempo”, pensati per celebrare i sentimenti, le ricorrenze e i momenti più importanti della vita: solitari e gioielli classici, in oro bianco e pietre preziose, soprattutto diamanti che vengono selezionati e acquistati da esperti gemmologi dell’azienda sui mercati di Anversa e Tel Aviv e la cui qualità, certificata come certificata la conformità agli standard etici internazionali del Kimberly Process, costituisce ancora oggi un vero fiore all’occhiello per l’azienda. “Un gioiello Recarlo può nascere per rispondere alle esigenze del mercato oppure per valorizzare una gemma particolare, in un qualsiasi caso è sempre il frutto di uno studio e di un processo meticoloso tutto interno all’azienda, dai disegni al prototipo alla realizzazione e alle finiture.

recarlo_cameli_gioielli

Immagine di Orafo Italiano Ottobre 2017

Nel nostro caso il concetto di “Made in Italy” è qualcosa di estremamente reale, direi anzi che è l’essenza stessa di questi 50 anni di vita. Per esempio: ogni gioiello Recarlo viene sottoposto in produzione a tre fasi di controllo: se l’intero processo non fosse interno all’azienda queste verifiche non sarebbero possibili. Inutile dire che i costi non sono indifferenti, ma è pur vero che il mercato ci riconosce e apprezza da sempre questa vocazione alla qualità e una coerenza stilistica che in tanti anni non è mai venuta meno”. Da qualche anno, inoltre, il brand ha rinnovato la propria immagine, legando tutta la comunicazione aziendale al colore Blu Royal. “Il Blu di Savoia è una gradazione che da una parte sottolinea il legame di Recarlo col territorio del nostro Piemonte, dall’altra comunica immediatamente raffinatezza, lusso, nobilita” spiega Giorgio Re “cioè i valori che rendono i nostri gioielli unici e perfetti per celebrare l’amore, le tradizioni, la famiglia. Tra l’altro, la prima gemma acquistata da mio padre fu proprio uno splendido zaffiro blu, ancora oggi conservato in azienda”. Recarlo conta attualmente circa sessanta tra dipendenti e collaboratori e festeggia questo compleanno a cifra tonda come un nuovo inizio, forte di una presenza consolidata su tutto il territorio nazionale e in diversi Paesi Europei.

Un volume celebrativo in tiratura limitata illustra attraverso 50 parole chiave i 50 anni di attività e la filosofia del brand, che per l’occasione ha lanciato la collezione Florence, giocata sull’idea di un prezioso solitario interamente personalizzabile: attraverso il sito aziendale gli innamorati possono scegliere il modello, la caratura del diamante, comunque di altissima purezza e qualità, la frase o le parole da incidere. Sempre all’insegna del Romanticismo, infine, l’azienda, ha appena presentato Anniversary Love, una collezione in oro e diamanti, caratterizzata dalla presenza dei diamanti taglio brillante forma cuore. “Coi nostri gioielli Recarlo rende tangibile e materiale il sogno d’amore di tutte le donne, che è sempre unico, irripetibile e fatto di purezza, rispetto e fiducia.

Fonte: Rivista, L’Orafo Italiano di Ottobre 2017